chiardiluna.com

Domande Frequenti

Il materasso non si prova sedendosi su un lato, ma distendendosi completamente, provandolo per alcuni minuti nelle varie posposizioni assunte durante il riposo notturno. Solo quando la sensazione percepita è quella di rilassatezza e piacere, si avrà la certezza di stare provando il materasso giusto. (Per approfondire clicca qui)

Oltre a provare il materasso, è molto importante controllare che il piano di riposo del letto abbia un piano imbottito traspirante o una rete a doghe di legno multistrato. Se il supporto del materasso cede eccessivamente, è troppo rigido o rovinato, il materasso, benché nuovo, non potrà regalare quel sano sonno ristoratore tanto atteso.

Per ragioni igieniche, un materasso va cambiato al massimo dopo sette/dieci anni di uso. Ogni notte, infatti, il corpo emette un quarto di litro in sudore e umori corporali, oltre a residui di pelle e peli, che vanno a depositarsi nel materasso. Notte dopo notte, anno dopo anno, tali depositi rappresentano un terreno di coltura ideale per gli acari della polvere ed altri batteri. (Per approfondire clicca qui).

Oltre ai fattori igienici di cui dicevamo sopra, un materasso va cambiato quando non è più confortevole. Alcuni segnali potrebbero essere gli indolenzimenti e i dolori lombari al mattino, appena svegli. Il classico mal di schiena al mattino, che scompare durante la giornata, è il campanello di allarme più importante. Al sorgere di questi sintomi è comunque sempre opportuno parlare con il proprio medico di fiducia.

Il materasso matrimoniale offre un piano omogeneo ed alloggia meglio sul piano di appoggio. Alcuni anni fa si preferiva acquistare 2 singoli visto il loro peso, per facilitarne lo spostamento; ma i moderni materassi sono molto più leggeri e facili da posizionare. La soluzione dei 2 singoli è invece consigliata quando il letto è composto da due reti accostate con il movimento alza-testa e alza-piedi, elettrico o manuale. In questo modo i dormienti possono scegliere autonomamente la posizione preferita.

Per garantire l'igiene e la salubrità, il materasso dovrebbe essere lasciato scoperto spesso per qualche minuto. Ad ogni cambio di stagione è corretto ruotarlo in senso testa-piedi e sottosopra (per i modelli che lo prevedono) per un assestamento migliore e omogeneo delle parti interne. (Per approfondire clicca qui)

Nel caso il rivestimento non sia sfoderabile, si consiglia di pulirlo da eventuali macchie utilizzando una spugnetta umida con un po' di detersivo neutro, e di utilizzare, dopo l'asciugatura, un aspirapolvere a bassa velocità. Sono sconsigliati l'utilizzo di elettrodomestici che sprigionano vapore, asciugacapelli o ferri da stiro.

Per garantire l'igiene e la salubrità, il materasso dovrebbe essere lasciato scoperto spesso per qualche minuto. Ad ogni cambio di stagione è corretto ruotarlo in senso testa-piedi e sottosopra (per i modelli che lo prevedono) per un assestamento migliore e omogeneo delle parti interne. (Per approfondire clicca qui)

È il più moderno tra i materiali impiegati nella preparazione di un materasso. Dotato di una struttura visco-elastica composta da più di un miliardo di cellule aperte elastiche e traspiranti, è in grado di reagire rapidamente al calore e alla pressione del nostro corpo con risultati di comfort mai raggiunti prima. Il risultato è una perfetta culla di sostegno per la spina dorsale durante il riposo.
Per approfondire clicca qui

Non ci sono condizioni particolari che escludono l'utilizzo dei materassi in schiuma. Il materasso in poliuretano favorisce inoltre la traspirazione corporea. La tipologia di materasso in "Memory" ha la caratteristica principale di automodellarsi sulle forme del corpo, senza generare pressioni. Per alcuni soggetti, ciò può dare una sensazione di minor traspirazione durante il riposo notturno.

Il materasso in poliuretano non è nocivo per la salute perché non contiene sostanze dannose per l'uomo e l'ambiente. Viene prodotto nel rispetto della normativa vigente.

Il guanciale è il nome corretto del cuscino utilizzato per dormire nel letto. Oggi però si intendono come due sinonimi, quindi spesso si parla indistintamente sia di guanciale che di cuscino.
Per approfondire clicca qui

Il metodo corretto, come nel caso materasso, è la prova diretta, ascoltando le sensazioni che il corpo ci fornisce. È importante che il guanciale garantisca l'allineamento tra la testa e la colonna vertebrale, e che rilassi la zona cervicale. I guanciali più alti e sostenuti sono indicati per chi dorme sul fianco, quelli più morbidi per chi dorme sulla schiena, mentre quelli molto bassi per chi dorme sulla pancia.

Il ricambio va effettuato ogni qualvolta i requisiti di comfort ed igiene non sono più garantiti. Mediamente dopo 3-5 anni di utilizzo continuo ( a seconda della sudorazione della testa) è preferibile pensare ad un nuovo acquisto: il nostro cuscino deve essere sempre perfetto.

È importante che i materassi per i lettini siano in schiuma o fibra anallergica, tali da permettere la giusta traspirazione corporea e consentire al bambino di respirare liberamente anche nel caso dovesse trovarsi a dormire con il viso rivolto verso il basso. Le cuciture devono essere laterali e non taglienti. Anche i tessuti di rivestimento devono essere sintetici o artificiali, e preferibilmente anallergici.

È un materasso che si utilizza per la prevenzione e/o terapia di lesioni del corpo, a seguito di patologie che costringono i pazienti ad una permanenza maggiore a letto. Sono prodotti indicati quindi per migliorare lo stato di salute di ossa ed articolazioni, che migliorano la microcircolazione sanguigna e che minimizzano la comparsa di piaghe da decubito. Possono essere detraibili fiscalmente, in misura del 19%, come un qualsiasi medicinale, in presenza di una prescrizione medica dettagliata.
Per approfondire clicca qui

La Garanzia di un materasso copre i difetti di fabbricazione e di conformità del prodotto. Per legge la Garanzia dura 2 anni, e le aziende produttrici possono aggiungere ulteriori anni alla stessa. Ovviamente Garanzia non significa durata: i prodotti che normalmente sono garantiti 2 anni, hanno una durata ben maggiore.

Utilizzare un supporto non adeguato può portare a problemi di malfunzionamento del materasso. Queste disfunzioni, spesso imputate al materasso stesso, non sono coperte dalla garanzia di prodotto. È sempre consigliabile verificare la qualità della rete prima dell’acquisto di un nuovo materasso.