8 piccoli consigli per migliorare il sonno

Dormire bene, lo sappiamo, è fondamentale per la salute della mente e del corpo. E la privazione del sonno può essere molto dannosa. Cosa fare, quindi, se soffrite di insonnia? Ci sono tanti modi per sconfiggere l’insonnia, la neuroscienziata Claudia Aguirre ci dà 8 piccoli consigli, che vi aiuteranno ad affrontare meglio la notte: 1. La giusta quantitàLeggi di più

 

Cosa causa l’insonnia?

Molte sono le cause di una notte inquieta: un compagno che russa, un dolore fisico, uno sconforto emotivo. La perdita estrema di sonno, come il jet lag, può scombussolare l’orologio biologico, scatenando il caos nel ciclo di sonno. In questi casi, però, la perdita di sonno è a breve termine: alla fine, è la stanchezza e l’esaurimento diLeggi di più

 
cioccolato e sonno

Il cioccolato fondente migliora il sonno

Pasqua vuol dire anche cioccolato, una montagna di uova al cioccolato pronta da essere gustata. Ma oltre alla linea, quanto incide sul sonno: lo favorisce o crea insonnia? Ci viene in risposta un’interessante ricerca delle Università di Cambridge ed Edimburgo, pubblicata dalla rivista Nature: il cioccolato migliora la qualità del riposo, ma a patto che questo sia fondente.Leggi di più

 

5 consigli per migliorare il sonno di coppia

Vivere con il partner è complicato, figuriamoci dormire insieme! Il rapporto di coppia, infatti, è un insieme di gioie e compromessi, ma stare accanto al partner induce il vostro organismo a rilasciare l’ossitocina, l’ormone dell’amore, che induce anche a calmare il sonno. Quindi, se migliorate la condivisione del letto, avete anche la possibilità di farvi delle belle dormite.Leggi di più

 

Quando si stabilizza il sonno dei bambini?

Chiunque abbia un figlio conosce le tappe importanti del neonato: imparare a gattonare, a parlare, a controllare la pipì e la popò. Ma niente è più atteso di quando il bambino inizia a dormire regolarmente: dopo molte notti in bianco, è un sollievo vedere che, finalmente, inizia a dormire con regolarità. (leggi anche “Qual è il guanciale adattoLeggi di più

 
insonnia

Quali sono gli effetti della deprivazione del sonno?

Nel 1965 Randy Gardner, un giovane studente di 17 anni, restò sveglio per 264 ore, ossia 11 giorni, per scoprire cosa sarebbe accaduto senza dormire. Al secondo giorno, la sua concentrazione diminuì e successivamente perse la capacità di identificare gli oggetti al tatto. Alla fine del terzo giorno sperimentò malumore e disorientamento. Al termine dell’esperimento faceva fatica aLeggi di più